Scegliamo giovani che rifiutano la guerra per diventare leader di domani

Tutte le news

Vigna della Pace 2010 dedicato ai Balcani

 

È stata mercoledì 9 novembre l'edizione di "Vigna della Pace" 2010, dedicata ai Balcani, un vino IGT toscano prodotto in collaborazione con il Consorzio Agrario di Siena e vendemmiato dai giovani dello Studentato Internazionale di Rondine. Di fronte ad ospiti illustri d'eccezione,  la signora Jasna Prpcic Ambasciatore di Bosnia e Erzegovina preso la Santa Sede, Gjoko Gjorgjevski, ambasciatore di Macedonia preso la Santa Sede e Mihailo Trpici, consigliere dell'Ambasciata di Serbia presso la Santa Sede, il presidente Franco Vaccari ha fatto un brindisi particolare, lanciando una bella iniziativa per il futuro:

"Noi siamo dentro questo meraviglioso contenitore. Dobbiamo essere pellegrini della verità,come è stato detto ad Assisi. E Rondine è un frutto di Assisi.  Julia Kristeva, nota psicanalista e filosofa francese di origine bulgara, proprio ad Assisi ha detto che è finito il tempo del sospetto e “è giunta l’età della scommessa. Osiamo scommettere sul rinnovamento continuo delle capacità di uomini e donne a credere e a conoscere insieme. Affinché, nel “multiverso” bordato di vuoto, l’umanità possa perseguire ancora a lungo il proprio destino creativo.”

 

Rondine, nella sua piccolezza, è quel bordo: è una casa, una famiglia, un giardino nel quale superiamo la paura e possiamo dialogare reciprocamente. Vorrei fare un brindisi per realizzare un altro sogno, lo lancio agli ambasciatori presenti in particolare. Qui a Rondine abbiamo di tutto ma manca qualcosa. La musica. Il sogno è questo: realizzare un quartetto musicale a Rondine: Kosovo, Serbia, Bosnia, Macedonia. Dobbiamo lottare contro i pregiudizi dei popoli. Dobbiamo tirare fuori l’armonia, la bellezza, togliere i pregiudizi nel volto dei giovani. Il direttore artistico di Fiesole Andrea Lucchesini è disponibile a fare con Rondine quattro eccellenze musicali. Rondine dedicherà questo progetto a Gabriele Abbado, socio fondatore che per anni ha coltivato il sogno di realizzare un progetto simile".

Gli studenti dei Balcani, insieme al dirigente del Consorzio Agrario di Siena Alessandro Pannacci, hanno presentato il nuovo Vigna della Pace, che presenta una scatola con decorazioni che richiamano le loro terre di origine e presenta all'interno due brani tratti dalle opere dello scrittore Meša Selimović:

"Forse dovrei odiarli, ma non posso, non ho due cuori, uno per l'odio, l'altro per l'amore" - "Ho deciso di amare. È meno probabile e meno vero,ma è nobile. È più bello. Così tutto ha più senso. La vita. E la morte."

 

È stata poi consegnata la Rondine d'oro all'ex studente di RondinePetar Knezic, alla presenza di tre membri della Lega delle Rondini d'Oro: Tanja Askapova, Sergey Orlov e Riva Evstifeeva.

La consegna della Rondine d'oro

 

 

 

Gli studenti rappresentanti di Bosnia, Serbia e Macedonia hanno poi consegnato

una bottiglia di Vigna della Pace agli ambasciatori e al consigliere presenti, che hanno sottolineato l'importanza del lavo

ro concreto portato avanti da Rondine, confermato anche dagli interventi del presidente del Consorzio Agrario di Siena Maria Cristina Rocchi, dal Vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza Mons. Rodolfo Cetoloni e dell'assessore della Provincia di Siena Tiziano Scarpelli.

 

 

                                                                                              

                                                                                            

                                                                                          Jasna Prpcic Ambasciatore di Bosnia e Erzegovina preso la Santa Sede

                                                                                                                                                                                       

 

 

Gjoko Gjorgjevski, ambasciatore di Macedonia preso la Santa Sede

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                          Mihailo Trpici, consigliere dell'Ambasciata di Serbia presso la Santa Sede

 

(Foto di Veronica Rogialli)

 

    

 

                                                                                                                                                         

                                                                                                                                                                                

 

 

 

 

قطعات موبایل خرید دامپ خرید لوپ دیجیتال آی سی هارد بی سیم بیسیم Google