Tutte le news

Rondine al Festival delle Lettarature di Roma

Ultima modifica il Giovedì, 27 Giugno 2013 12:39
Pubblicato Giovedì, 27 Giugno 2013 12:39
Share

 

LETTERATURE

FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ROMA

 

Giovedì 27 giugno ore 21.00

Basilica di Massenzio al Foro Romano

 

A TAVOLA CON IL NEMICO

Sarà raccontata l'esperienza di Rondine Cittadella della Pace, studentato internazionale dove studenti provenienti da paesi in conflitto tra loro sperimentano una vita di convivenza, di formazione e di studio

 

con gli autori

ANDREA BAJANI - KO UN - MAREK HALTER

 

musica alternative con

BIM ORCHESTRA 

 

 

Il Festival è realizzato dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale. Ideazione e direzione artistica MARIA IDA GAETA, direttrice della Casa delle Letterature di Roma, regia di FABRIZIO ARCURI, organizzazione e produzione Zètema Progetto Cultura.

 

Nell’ottava serata diLetterature Festival Internazionale di Roma, A tavola con il nemico, il sogno che diventa realtà è quello di come si possano superare i conflitti attraverso la conoscenza del e/o la convivenza con il nemico. Giovedì 27 giugno, sarà infatti narrata la storia dello studentato internazionale nato in Toscana, vicino Arezzo, Rondine Cittadella della Pace, dove ragazzi provenienti da paesi in conflitto tra loro studiano e vivono insieme con la speranza di diventare leader di pace di domani.

Gli autori ospiti della serata leggeranno al pubblico i propri testi inediti ispirati a questo tema.

ANDREA BAJANI, scrittore di romanzi, reportage e pièce teatrali, ha scritto per Massenzio un testo inedito dal titolo La macchina del perdono ; KO UN, il maggiore poeta coreano vivente, due volte candidato al Nobel, leggerà nella sua lingua madre l’inedito Nei miei sogni, la Poesia ; MAREK HALTER, autore polacco di religione e origine ebraica, molto attivo in Francia per le grandi cause sociali e politiche e soprattutto per la pace in Medio Oriente, esporrà in esclusiva al pubblico del festival il suo testo inedito dal titolo Fallo!

 

La serata sarà accompagnata dalla musica alternative della Bim Orchestra.

 

In caso di pioggia l’evento si svolgerà presso il Teatro Eliseo.

 

 

LA MOSTRA DEL FESTIVAL 2013

 

TESTI IN OPERA. Stampatori romani: i Bulla

Il 10 giugno alle ore 12 sarà inaugurata la mostra della Casa delle Letterature che accompagnerà il Festival. Organizzata da Lorenzo Foltran e Pietro Marcozzi Rozzi nell’ambito del ciclo Doppio Passo. Incontri di Arte e Letteratura, è ilprimo appuntamento di una rassegna dedicata alle grandi stamperie storiche romane e alle loro creazioni che sottolineerà, in particolare, l’intensa e proficua collaborazione dei maestri stampatori con artisti e scrittori. La mostra,  dedicata alla stamperia Bulla, propone una selezione di opere di grandi maestri dell’arte contemporanea della scuola romana (da J. Kounellis a C. Accardi, da E. Cucchi a G. Dessì, da B. Ceccobelli aNunzio, da G. Turcato a P. Pizzicannella, da R. Pace a D. Bianchi, daR. Savinio aM.Paladino) affiancati da prestigiose firme della letteratura (da L. Sciascia a E. Villa, da E.Sotiropoulos a E. Albinati da A. Anedda a L. Ferlinghetti) durante un periodo che va dalla fine degli anni ’70 ai primi anni ’90.

Casa delle Letterature, piazza dellOrologio n. 3 dal lunedì al venerdì ore 9.30 – 18.30 ingresso libero

 

 

 

BIOGRAFIE

 

Autore: ANDREA BAJANI

Andrea Bajani è nato a Roma nel 1975 e vive a Torino. Presso Einaudi ha pubblicato Cordiali saluti (2005 e 2008), Se consideri le colpe (2007 e 2009), il reportage sul lavoro precario Mi spezzo ma non m'impiego (2006), Domani niente scuola (2008), Ogni promessa (2010) e Presente (2012, con Michela Murgia, Paolo Nori e Giorgio Vasta).

Per il teatro è coautore di Miserabili, uno spettacolo di Marco Paolini. Collabora con Rai Radio 2, con i quotidiani «La Stampa», «l'Unità», «Il Sole-24 ore» e con la rivista «Lo straniero».

Se consideri le colpeha vinto il Premio Super Mondello, il Premio Recanati e il Premio Brancati. Ogni promessa ha vinto il Premio Bagutta 2011.

Il suo ultimo romanzo: Ogni promessa, Einaudi 2010

Un biglietto lasciato sul tavolo, una storia d'amore che si chiude e un nonno che muore dopo essere rimasto imprigionato per tutta la vita nell'ossessione della campagna di Russia.

Sulla soglia di un'estate in cui di colpo tutto sembra mancare, Pietro decide di andare a vedere il Don con i suoi occhi, per attraversare la linea del fronte e cercare la sua tregua sulle tracce di una guerra altrui.

Non c'è niente di più difficile da raccontare del peso che hanno le cose non dette: ecco il cuore di questo romanzo, che con straordinaria intensità emotiva, leggerezza e tensione poetica ci mostra quante strade possono prendere i ricordi, le speranze e i segreti quando decidono di venire alla luce.

 

Autore: KO UN

Nato nel 1933 nella Corea del Sud, figlio di contadini, assiste alla dominazione giapponese, agli orrori della Seconda Guerra Mondiale, alla guerra fratricida di Corea e poi alle dittature militari. A diciannove anni si rifugia nella religione buddista, diventando monaco. Viaggia e vive di elemosina, fonda una rivista buddista, pubblica saggi e poesie. Dopo oltre dieci anni lascia il monastero, attraversa un periodo di disperazione, cerca più volte di togliersi la vita. Negli anni ’70 è attivista per i diritti umani e leader del movimento minjung munhak (‘letteratura del popolo’). Inserito nelle liste nere della Korean Central Intelligence Agency, viene arrestato e torturato ripetutamente. Nel 2000 accompagna il presidente del suo Paese nello storico incontro per la riunificazione a Pyongyang e legge le sue poesie di fronte ai due leader. È presidente del Comitato per la compilazione del grande dizionario coreano che unificherà la lingua del nord e sud Corea. È stato tra i finalisti del Nobel per la Letteratura.

Bibliografia

Fiori d’un istante, Libreria Editrice Cafoscarina, 2005

L’isola che canta, LietoColle, 2009

Cos’è?, nottetempo, 2013

Bibliografia parziale in lingua originale

Other World Sensibility, Chong Woo, 1960

God, Last Village of Languages, Minumsa, 1967

Senoya, Senoya: Little Songs, Shinjinmoonwhasa, 1969

At Munui Village, Minumsa, 1974

Going into Mountain Seclusion, Minumsa, 1977

Early Morning Road, Changbi, 1978

Homeland Stars, Changbi, 1984

Pastoral Poems, Minumsa, 1986

Fly High, Poems!,Practice and Literature, 1986

Ten Thousand Lives, voll. 1-30, Changbi, 1986-2010

Mountain Paekdu, voll. 1-7, Changbi, 1987-94

Nirvana & Sentence to Death, Chong Ha, 1988

Morning Dew, Dong A, 1990

One Thousand Years of Cry and Love: Lyrical Poems for Mountain Paektu, Hansaem, 1990

Sea Diamond Mountain, Hangil, 1991

Songs for Tomorrow, Changbi, 1992

The Road Ahead, Modern Literature, 1993

A Memorial Stone, Minumsa, 1997

Whisper, Practice and Literature, 1998

South and North, Changbi, 2000

Himalaya Poems, Minumsa, 2000

Flowers of a Moment, Munhakdongnye, 2001

Poetry Left Behind, Chagnbi, 2002

The Late Songs, Minumsa, 2002

Where Has My Frontier Gone?,Changbi, 2011

SangWha Poems: Love on the Planet, Changbi, 2011

What: a Collection of Sŏn Poems revised and augmented edition, Munhak Tongnae, 2013

 

Autore: MAREK HALTER

Nato a Varsavia (Polonia) nel 1936, a cinque anni lascia con la famiglia il ghetto di Varsavia per andare a vivere in Russia. Nel 1950 arriva in Francia. Artista poliedrico, oltre ad aver firmato una ventina di libri di successo dedicati all’epopea del popolo ebraico, è anche pittore e regista cinematografico. È tra i fondatori del movimento SOS Racisme, che si batte per promuovere la pace in Medioriente. Intellettuale di fama internazionale, nel 1967 fonda il Comitato Internazionale per la Pace negoziata in Medio Oriente ed è l'artefice dei primi incontri tra leader israeliani e palestinesi. Nel 1968, crea la rivista Elementi: si tratta della prima testata alla quale collaborano al tempo stesso israeliani e palestinesi. Nel 1992, partecipa attivamente all'organizzazione degli incontri segreti tra israeliani e palestinesi, dapprima a Parigi, poi ad Oslo. Collabora regolarmente con alcune delle più prestigiose testate giornalistiche del mondo (Libération, El Pais, Die Welt) incluse le più importanti in Italia (La Repubblica). Tra i suoi libri ricordiamo: Il folle e il re (Prix Aujourd'hui), Abraham (Premio Livre Inter) e gli ultimi Il cabalista di Praga e Protocollo Cremlino, pubblicati in Italia dalla casa editrice Newton Compton.

Bibliografia

Argentina Argentina, Spirali, 1982

Il folle e i re, Spirali, 1988

Un uomo, un grido, Spirali, 1992

Il Messia, Spirali, 1998

Perché sono ebreo, Sperling & Kupfer, 2000

Intrigo a Gerusalemme, Sperling & Kupfer, 2001

Abraham, Spirali, 2006

La mia Ira, Spirali, 2008

La Regina di Saba, Spirali, 2009

Il cabalista di Praga, Newton Compton, 2012

Protocollo Cremlino, Newton Compton, 2013

Bibliografia in lingua originale

Le Fou et les rois, Albin Michel, 1976

Mais(con Edgar Morin), Éditions Oswald-Néo, 1979

La Vie incertaine de Marco Mahler, Albin Michel, 1979

Argentina, Argentina, Presses-Pocket, 1979

La Mémoire d'Abraham, Éditions Robert Laffont, 1983

Jérusalem, Éditions Denoël, 1986

Les Fils d’Abraham, Éditions Robert Laffont, 1989

Jérusalem. La Poésie du Paradoxe, L & A éditions, 1990

Un homme, un cri, Éditions Robert Laffont, 1991

Les Fous de la paix(con Eric Laurent), Éditions Plon/Laffont, 1994

La Force du Bien, Éditions Robert Laffont, 1995

Le Messie, Éditions Robert Laffont, 1996

Toulon,  Édition de l'Aube, 1998

Les Mystères de Jérusalem, Éditions Robert Laffont, 1999

Le Judaïsme raconté à mes filleuls, Éditions Robert Laffont, 1999

Le Vent des Khazars, Éditions Robert Laffont, 2001

La Bible au féminin, tome 1: Sarah, Éditions Robert Laffont, 2003

La Bible au féminin, tome 2: Tsippora, Éditions Robert Laffont, 2004

La Bible au féminin, tome 3: Lilah, Éditions Robert Laffont, 2005

Marie, Pocket, 2006

Bethsabée: Ou L'Eloge de l'adultère, Éditions Robert Laffont. 2006

Je me suis réveillé en colère, Éditions Robert Laffont, 2007

La Reine de Saba, Éditions Robert Laffont, 2008

Le Kabbaliste de Prague, Éditions Robert Laffont, 2010

Histoires du peuple juif, Artaud, 2010

L'inconnue de Birobidjan,  Éditions Robert Laffont, 2012

 

Musica: BIM ORCHESTRA

La B.I.M. Orchestra, nata nel 2000 dopo anni di esperienza maturata sul campo, è un gruppo di archi composto da musicisti professionisti di estrazione classica i quali, sentendo l'esigenza di ampliare le proprie conoscenze ed esperienze musicali, si sono perfezionati attraverso corsi e laboratori Jazz con alcuni dei più prestigiosi musicisti. Apprezzati immediatamente come gruppo professionale dagli artisti di musica leggera e jazz, hanno preso parte alle più importanti produzioni televisive Rai e Mediaset creando così un curriculum B.I.M che si somma ad i curriculum personali dei componenti che, negli ultimi 20 anni, hanno partecipato ai più rappresentativi manifestazioni ed eventi musicali del panorama italiano: Festival di Sanremo, Carramba, Fantastico, Stasera Pago Io… e decine di altre trasmissioni.

Caratteristica dominante è la duttilità del repertorio della B.I.M. Orchestra, che spazia in modo naturale dal pop, al rock al jazz, sfruttando soprattutto le sonorità acustiche dei propri strumenti.

La B.I.M. Orchestra vanta importanti collaborazioni con artisti quali: Laura Pausini, Norah Jones,Gnarls Barkley,Danger Mouse,Fabrizio Bosso, Sergio Cammariere, Adriano Celentano, Stefano Di Battista, E. Ramazzotti ,Javier Girotto, Danilo Rea, M.Mengoni, Paolo Silvestri, Daniele Scannapieco, Mario Biondi, Gegè Telesforo, … e molti altri.

Fra gli ultimi lavori risultano l’incisione degli ultimi CD di Laura Pausini ,Norah Jones, Gnarls Barkley e Marco Mengoni. Tra le varie colonne sonore per il cinema e la Tv: "La stella della porta accanto" e "La prima cosa bella" di P. Virzì.

 

 

 

Esperienza: RONDINE CITTADELLA DELLA PACE

L’Associazione Rondine Cittadella della Pace è una Onlus che svolge un ruolo attivo nella promozione della cultura del dialogo e della pace, tramite l’esperienza concreta dello Studentato Internazionale. Nel borgo medievale di Rondine (Arezzo) convivono studenti provenienti da paesi in conflitto dei Balcani, del Caucaso, del Medio Oriente e dell’Africa e sperimentano una vita di convivenza, di formazione e di studio. I giovani del progetto, una volta completato il ciclo di studi (corso di laurea o master), rientrano nel paese di origine per testimoniare, nei luoghi del proprio impegno professionale e civile, la concreta possibilità del dialogo e della pacifica convivenza. L’insieme delle attività artistiche, culturali e spirituali che si promuovono nella Cittadella, intrecciate al percorso formativo dei giovani dello Studentato Internazionale, fanno di Rondine una permanente “Scuola Europea della Pace”. www.rondine.org

 

 

Ideazione e direzione artistica MARIA IDA GAETA,direttrice della Casa delle Letterature di Roma

Casa delle Letterature  www.casadelleletterature.it   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   tel. 06 - 68134697

Regia FABRIZIO ARCURI

Organizzazione e produzione Zètema Progetto Cultura srl www.zetema.it