Tutte le news

Il saluto all' Ambasciatore Usa M.H. Dìaz

Ultima modifica il Lunedì, 12 Novembre 2012 10:11
Pubblicato Sabato, 10 Novembre 2012 14:20
Share

L'Ambasciatore degli Stati Uniti presso la Santa Sede, Miguel H. Diaz, ha salutato Rondine prima di lasciare l'incarico diplomatico per tornare a dedicarsi all'insegnamento universitario nell'Università americana di Dayton.

Non solo per la sua funzione, ma anche per formazione personale, indole e interessi, l'Ambasciatore Diaz ha collaborato attivamente e a vari livelli con Rondine durante il suo intero mandato. Docente universitario, ha tenuto diversi incontri con gli studenti su temi di politica internazionale e diplomazia. La sua stessa famiglia, i cui membri hanno origini ispaniche e balcaniche, porta l'esempio del valore dell'incontro tra culture lontane e mostra la possibilità di stabilire sincere relazioni personali indipendentemente dalle diverse identità.

Tra le altre iniziative di Rondine cui ha partecipato, l'Ambasciatore è intervenuto a diverse conferenze internazionali, dal dialogo tra diplomazie, nell'ambito delle Piazze di Maggio del 2010, al Simposio di lancio del progetto Sponda Sud dello scorso 5 e 6 luglio.
Degna di nota è stata la scelta di celebrare, nel settembre 2011, il decennale del 9/11, ferita del popolo statunitense, accogliendo nella propria residenza gli studenti di Rondine in una serie di tavole rotonde di discussione, al fine di mettere a confronto il proprio ricordo con i punti di vista delle aree di conflitto di tutto il mondo. L'anniversario successivo, l'11 settembre 2012, ha condiviso con il Presidente di Rondine, mentre si trovavano a Sarajevo per l'Incontro Mondiale per la Pace, i dolorosi momenti dell'attentato a Christopher Stevens, Ambasciatore degli Stati Uniti in Libia.

Il saluto a Franco Vaccari alla vigilia della partenza dall'Italia è stata l'occasione per celebrare la vittoria elettorale di Barack Obama, di cui Diaz era stato consigliere durante la campagna elettorale del 2008. L'Ambasciatore ha congedato Rondine e l'Italia, nella speranza che la via di amicizia e di collaborazione intrapresa prosegua nel corso del nuovo incarico presso l'Università di Dayton.

A cura di Stefano Marinelli, Ufficio Relazioni Internazionali

Nella foto, l'amb. Dìaz e l'amb. egiziana presso la Santa Sede Lamia Mekhemar con alcuni giovani del progetto Sponda Sud a Rondine lo scorso luglio, in occasione del Simposio Internazionale (qui la gallery completa)