Tutte le news

NATyouRE SupPORT scalda i motori: si parte il 30 luglio!

Ultima modifica il Mercoledì, 14 Novembre 2012 16:47
Pubblicato Giovedì, 19 Luglio 2012 11:07
Share

 


(Un'immagine dal campo Building Bridges, nel 2011)

A Rondine sta per scattare l'ora di NATyouRE SupPORT, l'attesissimo campo nato da un progetto finanziato dalla Direzione Generale Educazione e Cultura della Commissione Europea nell’ambito del programma Gioventù in Azione ed é realizzato con il contributo del Comune di Montevarchi ed in collaborazione con il Comitato Interpaese Italia-Israele e con il progetto TRIUMPH del Rotary International.
 
NATyouRE SupPORT sarà un'esperienza di dieci giorni, dal 30 luglio all'8 agosto, durante la quale verranno affrontati i temi della natura, dello sport, e della crescita personale attraverso la scoperta e potenziamento delle proprie capacità e passioni. Esperienze da vivere nello stile di Rondine, mettendo al centro la convivenza e la creazione di opportunità di conoscenza dell'altro, come metodo fondamentale per crescere e contribuire alla pace.
 
Il campo vedrà il coinvolgimento di quattro delegazioni di ragazzi tra i 15 e i 17 anni provenienti da Italia, Turchia, Palestina ed Israele. Le selezioni dei ragazzi italiani sono da poco terminate, ed hanno portato alla scelta di quattro ragazze e quattro ragazzi provenienti dalla Arezzo, Montevarchi, Sansepolcro, Poppi, Prato e Lecco.
 
Da domenica 8 a lunedì 10 luglio si è inoltre svolto a Rondine l'Advanced Planning Visit, una visita preliminare al campo, alla quale hanno partecipato i group leader di ogni nazione: il rappresentante di Toplum Gonullulleri da Istanbul, di Rotary International da Haifa, e di Holy Land Trust da Betlehemme. Dopo uno scambio di esperienze ed idee su come impostare il campo ed i dettagli del programma, ora si entra nella fase operativa e di programmazione.
 
Un'altra grande esperienza internazionale di Rondine sta per prendere il via: se siete curiosi, continuate a seguirci!
 
 NATyouRE SupPORT è un progetto realizzato in collaborazione con il Servizio nazionale della CEI per il progetto culturale.

(A cura di Anna Moro)