Cosa facciamo

Vigna della Pace 2013

Ultima modifica il Lunedì, 18 Novembre 2013 11:49
Pubblicato Giovedì, 31 Ottobre 2013 11:39
Share

 

Bottiglie di vino che avranno tutto il sapore della fratellanza tra i popoli. Sarà questo il frutto della vendemmia che si è tenuta anche quest'anno a San Piero in Barca (Castelnuovo Berardenga - SI) grazie alla collaborazione tra Consorzio Agrario di Siena e l’associazione Rondine Cittadella della Pace di Arezzo. Un vino igt Toscano che, per il sesto anno consecutivo, prende il nome “Vigna della Pace” dal caratteristico aroma frutto dell’impegno di oltre venti studenti e studentesse internazionali provenienti da territori e Paesi afflitti dalla guerra. Dopo le prime cinque edizioni dedicate al Caucaso, Medio Oriente, Balcani, India e Pakistan “Vigna della Pace” 2013 sarà dedicata al continente africano, anche in omaggio ai giovani partecipanti al progetto Sponda Sud, provenienti da Libia, Egitto e Tunisia che stanno realizzando un percorso di formazione parallelo e integrato a quello dei giovani dello Studentato Internazionale.

 

Il vino -Un prodotto altamente pregiato, che si fregia dell’etichetta di IGT Toscano prodotto attraverso la selezione delle migliori uve provenienti dai colli senesi, operata dal Consorzio Agrario di Siena, che rappresenta da sempre una garanzia di qualità e prestigio. Un vino dotato di un valore aggiunto senza precedenti, il valore etico riconoscibile nell’impegno degli studenti di Rondine nella costruzione del dialogo e della pace e che simbolicamente condividono l’antico rito della vendemmia, come del resto la loro vita quotidiana, per realizzare un prodotto che si fa portatore di un messaggio di pace. Il “Vigna della Pace” sarà promosso – fuori commercio – nell’ambito di iniziative che andranno unicamente a sostegno dell’Associazione e degli Studenti.

“Brinda con noi alla pace!”

Regala “Vigna della Pace” e contribuirai anche tu

a costruire un domani migliore

 

Se vuoi ricevere Vigna della Pace chiama:

Tel. +39 0575 299.666 o scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.